Questo sito utilizza cookie (propri o di altri siti) per salvare informazioni e tracciare dati di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui Altrimenti accedi a un qualunque elemento del sito.

Ok
Un dolore che parte dai nervi e limita le nostre attività quotidiane

Nevralgia

La nevralgia è un dolore intenso provocato da una patologia di un nervo e che, quindi, è localizzato nell’area in cui si trova il nervo coinvolto. Il dolore ha quindi origine "a monte" nel nervo ma si percepisce "a valle", ad esempio in una parte di arto innervata dal nervo sofferente.

Nel corpo umano, i nervi svolgono un ruolo importante: trasportano le informazioni dal cervello al corpo e viceversa. Anche la sensazione di dolore passa attraverso i nervi. È facile quindi capire che, quando un nervo è coinvolto direttamente da una patologia, il dolore che proviamo è intenso e davvero difficile da sopportare. Questo tipo di situazione è definita con il termine nevralgia, che indica proprio il dolore neuropatico e si riferisce a irritazioni, infezioni o traumi (come la compressione del nervo nel caso dell’ernia del disco) subiti da uno o più nervi del nostro corpo.

Trattandosi di un dolore che viene generato, e non solo trasportato, dai nervi, la nevralgia viene spesso accompagnata da altri sintomi, come:

  • sensazione di bruciore;
  • sensazione di pizzicore;
  • ipersensibilità al contatto

Alcune comuni tipologie di nevralgia

Ogni volta che proviamo un dolore legato a una fase di sofferenza di uno o più nervi, si può parlare di nevralgia. Ma, naturalmente, siccome il nostro corpo è attraversato dai nervi in ogni sua parte, la manifestazione di questo disturbo può assumere forme e modalità differenti. Ecco alcune tra le più comuni tipologie di nevralgia:

Nevralgia intercostale

La nevralgia intercostale coinvolge la zona delle costole e può essere molto fastidiosa. È caratterizzata da un dolore acuto e pungente (forse da qui nasce l’espressione “una spina nel fianco”) che peggiora quando i muscoli della cassa toracica si comprimono durante la respirazione.

Il dolore intercostale può rappresentare un campanello d’allarme e indicare la necessità di rivolgersi al proprio medico di fiducia per una diagnosi accurata e la conseguente identificazione della cura più appropriata. Le cause di questo do-lore possono infatti essere di varia natura, più o meno serie.

Nevralgia intercostale
Cause Sintomi Rimedi

Cause

Alcune accertate cause di nevralgia intercostale sono:

  • interventi chirurgici a cuore o polmoni, durante i quali potrebbero essere stati danneggiati i nervi intercostali;
  • compressione di uno o più nervi intercostali;
  • neurite intercostale, cioè l’infiammazione di uno o più nervi;
  • traumi al torace: forti colpi ricevuti alla gabbia toracica o rottura di costole;
  • traumi dovuti a sport di contatto (come il rugby, il calcio, il football americano, l’hockey su ghiaccio) o a incidenti automobilistici, motociclistici e simili;
  • gravidanza: la crescita del feto all’interno dell’area toracica può alterare momentaneamente il normale funzionamento delle terminazioni nervose intercostali;
  • infezioni delle costole, per esempio osteomieliti, cioè malattie infettive delle ossa, causate da batteri.

Sintomi

Questa patologia può essere accompagnata da altri sintomi, come:

  • formicolio;
  • intorpidimento;
  • dolore alla schiena;
  • dolore diffuso tra petto, braccio e spalla sinistra;
  • febbre;
  • prurito;
  • perdita di appetito;
  • ridotta capacità di movimento di spalle o schiena.

Rimedi

La cura della nevralgia intercostale avviene successivamente a una precisa diagnosi delle cause (sono le cause a dover essere curate), mentre il dolore può essere controllato attraverso l’assunzione di medicinali come i FANS, i farmaci antinfiammatori non steroidei, che in determinati dosaggi si possono acquistare liberamente, senza necessità di presentare la prescrizione del medico, e svolgono un’azione antidolorifica e antinfiammatoria.

Nevralgia ai denti

Quello che normalmente viene indicato come nevralgia ai denti o nevralgia dentale è un disturbo causato dall’infiammazione del nervo facciale o dalla nevralgia del trigemino. Questa patologia si presenta con un dolore forte, pungente, che riguarda parte dell’arcata dentale (raramente coinvolge un solo dente), un solo lato del viso e può durare da pochi secondi fino a due minuti. Gli attacchi possono verificarsi improvvisamente e ripetersi in un brevissimo lasso di tempo e possono essere scatenati da attività quotidiane come toccarsi il viso, mangiare, bere, sbadigliare, sorridere, tossire. Queste azioni inoltre aumentano l’intensità del dolore.

Considerata l’intensità del mal di denti e dei sintomi della nevralgia dentale, si può ben capire come questo disturbo possa avere un impatto molto negativo sulla nostra vita, impedendoci di svolgere le più semplici attività quotidiane.

Nevralgia ai denti
Cause Sintomi Rimedi

Cause

Questo forma di mal di denti, che coinvolge una zona più ampia, può avere cause diverse, tra cui la compressione del nervo prodotta da un vicino vaso sanguigno oppure alcune malattie del sistema nervoso, ma anche la carenza di minerali e lo stress. Rivolgersi al proprio medico di fiducia per diagnosticare con esattezza le possibili cause è sicuramente la scelta migliore, in questo caso. Molto si può anche fare sia per prevenire gli attacchi sia per controllare il dolore.

Sintomi

Questa patologia può essere accompagnata da altri sintomi, come:

  • dolore a un dente o a un’area di un’arcata dentale;
  • mal di testa unilaterale;
  • dolore alla parte alta della schiena;
  • rigidità delle spalle;
  • sensazione di bruciore alla guancia;
  • dolore quando si mastica;
  • gonfiore della guancia.

Rimedi

Per quel che riguarda la prevenzione della nevralgia ai denti, è importante conoscere quali sono le cause per poterle controllare. Alcuni accorgimenti che possiamo adottare sono:

  • alimentarci in modo sano ed equilibrato, con un’attenzione particolare a sali minerali e vitamine;
  • evitare, o perlomeno ridurre, il più possibile ogni fonte di stress;
  • alleviare lo stress facendo attività fisica o yoga;
  • eliminare o ridurre il più possibile il fumo, l’alcool, il caffè e il tè nero.

Nevralgia facciale

Quando il dolore interessa principalmente la zona del viso, quella compresa tra le palpebre e la mascella, si può parlare di nevralgia facciale. In questi casi il dolore si presenta in modo molto aggressivo, con fitte improvvise che possono ripetersi molte volte durante la giornata.

Le patologie alla base della nevralgia facciale possono essere diverse, così come diversi sono i sintomi e la modalità con cui si presenta il dolore, ma le più frequenti sono:

  • la cefalea, una forma di mal di testa caratterizzata da un dolore sordo e dalla sensazione di schiacciamento della parte sofferente;
  • l’emicrania, la più diffusa tre le tipologie di mal di testa, che colpisce generalmente un solo lato del viso e si manifesta con un dolore pulsante;
  • la nevralgia del trigemino, una patologia che colpisce il nervo trigemino, responsabile della trasmissione delle informazioni tra il corpo e il cervello e tende a manifestarsi in persone di età superiore ai 50 anni.
Nevralgia facciale
Sintomi Rimedi

Sintomi

Questo disturbo può essere accompagnato da molti e diversi sintomi, tra cui si possono riscontare:

  • dolore al viso;
  • dolore alla fronte o agli occhi;
  • dolore alla guancia;
  • indolenzimento della mandibola;
  • ipersensibilità alla luce e ai rumori;
  • dolore quando si mastica, si deglutisce o si parla;
  • aumento della salivazione.

Rimedi

Siccome i sintomi possono indicare anche altre patologie e le cause possono essere di varia natura, la scelta migliore in presenza di questo tipo di affezione è quella di rivolgersi al proprio medico di fiducia, che probabilmente prescriverà una serie di esami e accertamenti mirati per raggiungere una diagnosi affidabile e poter identificare le cure per la nevralgia. Il dolore causato dalla nevralgia può essere alleviato con l’utilizzo di medicinali quali i FANS, cioè i farmaci antinfiammatori non steroidei, che in determinati dosaggi non richiedono la ricetta del medico e svolgono un’azione analgesica e antinfiammatoria.

Dolore della mandibola

Il dolore alla mandibola è un disturbo che non deve essere sottovalutato, perché le sue cause possono nascondere patologie e problemi di diversa natura. Generalmente, si tratta di un dolore sordo e costante che può, però, raggiungere anche intensità tale da rendere difficile la masticazione e addirittura parlare.

La parte più spesso coinvolta è quella dell’articolazione che collega la mandibola (l’osso mascellare inferiore) alla mascella superiore. Si tratta di un’articolazione che sottoponiamo quotidianamente a un carico di lavoro elevato, specialmente quando mastichiamo il cibo. Infatti, la forza che sono in grado di generare i muscoli preposti alla masticazione è davvero potente, tanto che la principale causa di dolori in quest’area è legata proprio all’attività masticatoria o alla malocclusione, cioè il modo non corretto in cui si chiudono i denti quando si mastica.

Dolore alla mandibola
Cause Sintomi Rimedi

Cause

La causa dei dolori alla mandibola può essere legata un utilizzo eccessivo o a uno sforzo ripetuto della muscolatura della mandibola e dell’articolazione mandibolare. Un’altra causa può essere identificata nel bruxismo, un fenomeno diffuso caratterizzato dall’inconsapevole abitudine di digrignare i denti quando si dorme o di serrare la mascella quando si è particolarmente concentrati. Oltre ai potenziali danni che si possono creare ai denti, questa patologia può comportare un’infiammazione dell’articolazione mandibolare, che viene sottoposta a sforzi prolungati ed eccessivi.

Il dolore alla mandibola può anche rappresentare un sintomo di altre malattie, tra cui l’artrite reumatoide oppure la nevralgia, in particolar modo la nevralgia del trigemino. Quest’ultima colpisce l’arcata dentale, quasi sempre da una sola parte del viso, con un dolore forte e pungente, che può durare da pochi secondi fino a due minuti e ripetersi molte volte durante la giornata.

Sintomi

Alcuni sintomi collegati al dolore alla mandibola possono essere:

  • capogiri;
  • fastidio o dolore alle orecchie;
  • mal di testa;
  • indolenzimento del collo;
  • rigidità delle spalle;
  • mal di denti;
  • difficoltà nello spalancare la bocca completamente;
  • febbre.

Rimedi

In caso di dolore particolarmente acuto o prolungato, è consigliabile rivolgersi al proprio medico di fiducia, perché possa diagnosticare con esattezza la causa del dolore alla mandibola e, quindi, suggerire le migliori cure. Per alleviare i sintomi e combattere il dolore, si può far ricorso ai farmaci antinfiammatori non steroidei, i FANS, che in determinati dosaggi possono essere acquistati senza la prescrizione del medico e offrono un’azione antidolorifica e antinfiammatoria.

Nevralgia post erpetica

La nevralgia post erpetica è causata dalle conseguenze di un virus, l’Herpes Zoster, quello che in età infantile si presenta come varicella e in età adulta come fuoco di Sant’Antonio. Una delle caratteristiche di questo virus è che è in grado di annidarsi nelle strutture nervose e sopravvivere per molto tempo, provocando un dolore intenso che coinvolge i nervi e che può essere accompagnato da una sensazione di bruciore.

Il dolore è continuo e l’intensità è variabile da individuo a individuo e da situazione a situazione, passando da un sem-plice prurito, alla sensazione di avere la pelle intorpidita fino a fasi acute di dolore.

Nevralgia post erpetica
Cause Sintomi Rimedi

Cause

La causa determinante della nevralgia post erpetica è rappresentata dal virus dell’Herpes Zoster, che ha la capacità di resistere per lungo tempo all’interno del nostro corpo. Alcuni fattori possono scatenare il dolore causato dalla nevralgia post erpetica. Tra questi:

  • gli sbalzi di temperatura;
  • il contatto, anche superficiale, con tessuti;
  • lo sfregamento con superfici ruvide;
  • stress emotivi.

Questa patologia colpisce più facilmente le persone con un’età superiore ai 50/60 anni, tanto che esistono alcune vaccinazioni mirate proprio agli individui di quell’età per prevenire l’insorgere di questo disturbo.

Sintomi

La nevralgia post erpetica si presenta con dei sintomi evidenti, come:

  • forte dolore;
  • sensazione di bruciore;
  • prurito livello superficiale (pelle);
  • intorpidimento;
  • sensazione di scarsa sensibilità della pelle.

Rimedi

Le cure per la nevralgia post erpetica mirano ad accelerare la guarigione e ad alleviare i sintomi e possono essere di tipo topico, rappresentato soprattutto da pomate da utilizzare sull’area colpita, e da medicinali antinfiammatori e analgesici, come i FANS, i farmaci antinfiammatori non steroidei.

Altri dolori

Non solo mal di testa

Mal di denti / Mal di schiena / Dolori muscolari / Dolori osteoarticolari
Prev
Next

Mal di denti

Mal di denti

Il mal di denti è un problema che può nascondere molte cause e che può rendere difficili le nostre giornate e le nostre notti.

Scopri di più >

Mal di schiena

Mal di schiena

Il mal di schiena: un disturbo molto frequente che può compromettere la nostra vita di tutti i giorni.

Scopri di più >

Dolori muscolari

Dolori muscolari

I dolori muscolari sono un problema diffuso che non colpisce soltanto chi fa sport.

Scopri di più >

Dolori osteoarticolari

Dolori osteoarticolari

I dolori osteoarticolari: Quando a far male sono le articolazioni.

Scopri di più >